VIAGGIARE-LOWCOST.IT

Firenze e Venezia propongono un decalogo che riprenda il turismo
Quella dei sindaci di Firenze e Venezia appare come una seria iniziativa volta ad un pronto riscatto del turismo nelle due principali città d’arte italiane. “Città d’arte? #NONmetterledaparte” è il nome di un vero e proprio decalogo che i primi cittadini Dario Nardella e Luigi Brugnaro hanno messo a punto con lo scopo di far ripartire l’attività turistica, soprattutto di tipo internazionale, nelle città che amministrano. Era stato il Premier Mario Draghi a fare da suggeritore quando, nel discorso al Senato per la fiducia, aveva manifestato la necessità di un turismo rinnovato, che ponesse l’accento sulla salvaguardia delle città d’arte. I due amministratori si sono riproposti di trasmettere il documento al Presidente del Consiglio e a Massimo Garavaglia titolare del riesumato Ministero del Turismo. Tra i punti, in evidenza quello che tratta sgravi fiscali a favore di coloro che acquistano pacchetti, servizi connessi col turismo o che stipulano contratti di locazione. Sgravi che potrebbero costituire una valida alternativa agli attuali bonus vacanze. Il tutto almeno per tre anni. Si mira anche ad una abilitazione professionale per le guide turistiche, almeno nelle città d’arte che rientrano nel patrimonio Unesco. Altro punto di rilievo riguarda il trasporto. Viene proposto a tale riguardo un aumento, sempre per tre anni, del Fondo Nazionale per il trasporto pubblico locale. Ed ancora, si auspicano norme che possano regolamentare le attività commerciali rivolte al turismo, ma anche a limitare la libera vendita di generi e prodotti per attività ludico-ricreative. Più specificamente, per quanto riguarda gli sgravi accennati, sugli affitti brevi, si propone per questi un tetto massimo di 90 giorni nell’anno per non più di due abitazioni. Ovviamente, questi ultimi suggerimenti richiedono il vaglio delle associazioni degli albergatori. Si propone infine, con occhio al decoro ma anche alla sicurezza delle città, una gestione intelligente con la diffusione delle smart control rooms.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *