VIAGGIARE-LOWCOST.IT

National Gallery: make up per l’anniversario
Nel 2024 sarà festeggiato il bicentenario della National Gallery di Londra. Per onorare al meglio questa ricorrenza, il Museo di Trafalgar Square metterà in atto una serie di progetti, alcuni dei quali davvero ambiziosi. Come quello che mira a portare all’attenzione mondiale la conoscenza e lo studio della pittura storica. Ne nascerà un centro di ricerca, per trattare la materia in maniera egregia e suscitare nuovo interesse e valido riscontro tra i visitatori provenienti da tutto il mondo. Ma anche tra accademici ed amanti dell’affascinante genere pittorico. Lo Wilkins Building ne sarà, con ogni probabilità, la location. Esprime orgoglio e soddisfazione il direttore del glorioso museo londinese, Gabriele Finaldi, nel sottolineare che “nel luglio scorso, allentate le restrizioni, il Gallery è stato il primo a riaprire, tra quelli più famosi”. NG200 è il nome sotto il quale sono raccolti i diversi progetti a cui si è fatto cenno. Il più importante tra questi, sembra essere quello destinato all’abbellimento degli esterni, con il dovuto rispetto del contesto urbano, che contraddistingue la metropoli inglese. Anche molte sale ed ambienti interni saranno accuratamente ristrutturati. Ne rimarranno attratti gli eserciti di appassionati d’arte, attesi, oggi più che mai, ad essere determinanti nel rilancio di una piccola parte di una economia sempre più in affanno. “Difficilmente saranno ripetibili le presenze di pubblico registrate nel 2019” aggiunge il Presidente Finaldi, che si ripromette di “pianificare da subito”. E, conclude, “sono davvero felice dei risultati fin qui ottenuti, lo sarei ancor di più, se riuscissi ad essere parte integrante nel processo di recupero del mio Paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *